Diabete e Salute dentale

Compartecipazione...Tweet about this on TwitterEmail this to someoneBuffer this pageDigg thisShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Pin on Pinterest

diabetes con los dientesIl diabete è una condizione molto grave e può colpire anche le persone che vivono stili di vita più sani. Il diabete è spesso associata a gravi complicazioni, come la malattia dentale parodontite e della gengivite.

I più recenti studi nel campo
odontoiatria e medicina suggeriscono che le persone con diabete di tipo 2 hanno maggiori probabilità di perdita dei denti rispetto alle persone senza la malattia.

Perché? Da un lato, il diabete è correlata alla salivazione ridotta, che a sua volta secchezza della bocca e vasi sanguigni spessi, riducendo la normale circolazione delle sostanze nutritive nel corpo, specialmente nei tessuti gengivali. Diabete rende anche più difficile per il corpo a combattere le infezioni dovute a minore produzione di globuli bianchi già indebolito.

Ora che ci penso, il diabete provoca un domino che può portare a malattia grave di un molto più grave effetto malattia. Diabete, di per sé, non è l’unico responsabile per tutte le complicazioni mediche e dentistiche che accelerano la morte.

La ricerca mostra che le persone che già hanno il diabete, ma mangiare cibi sani, l’esercizio quotidiano, assumere l’insulina e prendere i loro farmaci regolarmente hanno significativamente inferiore probabilità di sviluppare complicanze potenzialmente letali.

Le persone che assumono il loro diabete per scontato o non sono consapevoli del fatto che, per contro, hanno mostrato una rapida degenerazione nella produzione di anticorpi e hanno meno la circolazione del sangue, aprendo la strada a uno stato corpo indebolito.

Nello studio di cui sopra, un quarto di 38.000 uomini con diabete di tipo 2 sottoposti a visite mediche hanno riferito di aver avuto la perdita dei denti, un terzo del 11.478 che hanno subito la perdita dei denti sono stati anche positivo della parodontite.

diabeteItaIl sessismo sta mettendo da parte, sappiamo per certo che la popolazione maschile tende a bere e fumare di più rispetto alla popolazione femminile. Sappiamo anche per certo che la maggior parte degli uomini ignora ottenere cure mediche e odontoiatriche e seguono ancora uno stile crudo di vita, essendo consapevoli dei rischi imposti dalla minaccia del diabete.

Ma le donne sono maggiormente gravati con gli effetti del diabete. E ‘noto per la sua destrezza stile di vita e le pressioni di cura per i loro figli, avere il diabete può essere molto deprimente, soprattutto se la donna è una madre e casalinga. I segni di diabete gestazionale spesso è stato dimostrato in donne in gravidanza.

A rischio di diabete scompare dopo il parto, vi è ancora una preoccupazione incombente se la condizione di ritorno. Essa incoraggia le donne a tornare alle loro vite normali di lavoro e routine di esercizi una volta che hanno pienamente recuperato dal parto.

Intraurine pillola anticoncezionale e dispositivi sono stati associati con i livelli di glucosio fluttuano e le donne che già hanno il diabete non è raccomandato.

Il rischio di diabete è quattro volte più donne asiatiche, afro-africani ed ispanici che nelle donne caucasiche.

order button

Uno stile di vita sano, esercizio quotidiano e la consapevolezza delle cose che rende il nostro sistema digestivo il vomito è un modo per prevenire il diabete di fissare in persone che sanno che il diabete è insita nella vostra famiglia dovrebbe stare lontano da bere e fiuto così come mangiare grandi quantità di carboidrati. Prevenzione semplice potrebbe essere la cura.

Per le persone che già soffrono di diabete, si rivolga al dentista che tipo di dieta da seguire per quanto riguarda il budget giornaliero.

Se queste informazioni ti piace condividere con i tuoi amici e aggiungere una come me, volete sapere come ho potuto gestire il diabete in modo del tutto naturale, si conoscono i 53 trattamenti che ho avuto, ma solo uno mi può fare per controllare il diabete naturalmente CLICCA QUI.

Compartecipazione...Tweet about this on TwitterEmail this to someoneBuffer this pageDigg thisShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Pin on Pinterest

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>